VISITE DI CONTROLLO

Gli incontri successivi al primo sono detti “visite di controllo” perchè permettono di “controllare” ovvero di VALUTARE inizialmente l’accettazione della dieta da parte della persona, la compatibilità con il suo stile di vita, le nuove necessità e gli eventuali problemi o le domande che possono sorgere quando ci si trova a dover cambiare qualcosa nelle proprie abitudini.

Successivamente sono utili a valutare la reale efficacia della dieta in merito al raggiungimento degli obiettivi concordati tra il dietista e la persona che si rivolge a me (perdita di peso? raggiungimento di uno stato di benessere generale?).

Come si svolgono?

Come accade per la prima visita, anche i controlli si articolano in diverse fasi:

1° passaggio: rivalutazione delle misure antropometriche (peso, circonferenze corporee, pliche cutanee, IMC – indice di massa corporea) e della composizione corporea tramite ripetizione del test impedenziometrico.

uid_1177c9a183b_250_0

2° passaggio: verifica dell’accettazione e dell’attuazione del programma dietetico.

Durante questa fase saranno discussi gli eventuali problemi e chiariti i dubbi sorti nel periodo tra una visita e l’altra. Sarà, inoltre, analizzato il vostro diario alimentare.         Tutto ciò fa si che la dieta sia praticata con successo e con il minimo sforzo.

3° passaggio: valutazione della progressione e del raggiungimento degli obiettivi pre-fissati e ri-definizione di nuovi step.

Durata?

I controlli sono più brevi rispetto alla prima visita e hanno, in genere, una durata di 30-40 minuti.

La cadenza è quindicinale o mensile in base alle necessità del paziente.Appuntamenti

Ad ogni visita viene concordata la data del controllo successivo e viene fatta insieme la ridefinizione degli obiettivi. Questo è importante per stabilire delle piccole scadenze, che siano da stimolo ma che non ti angoscino.