Gruppi di educazione psico-alimentare: cosa sono?

Premessa
Al giorno d’oggi, sempre più di frequente, le persone desiderano perdere peso e modificare il proprio regime alimentare, sia per motivi di salute, sia per finalità estetiche.
A questo però si associa spesso tutta una serie di comportamenti non funzionali a una perdita di peso graduale e duratura. Ad esempio ci si propone di seguire le diete seguite dai vip o quelle descritte dai giornali più disparati che promettono un dimagrimento rapido e senza sacrificio. O ancora si eliminano dall’alimentazione quotidiana interi gruppi alimentari (come i carboidrati) con la convinzione che siano proprio quelli a farci ingrassare.
Nello stesso tempo si innesca un circolo vizioso che rende ancora più difficile mantenere i buoni propositi iniziali, soprattutto se la dieta non da risultati immediati.

MANGIO –> INGRASSO –> MI VEDO BRUTTA/O – NON SEGUO LA DIETA O LA DIETA NON FUNZIONA –> MANGIO –> INGRASSO.

I gruppi psico-alimentari si propongono di fornire un servizio di informazione-educazione mirato alla modifica dei comportamenti e delle abitudini alimentari delle persone grazie al sostegno di due professionisti, la Dietista e la Psicologa del Comportamento Alimentare.

Come sono organizzati?
Le persone che decidono di prendere parte al programma di educazione psico-alimentare sono inserite in un gruppo di massimo 10 persone.gruppo psicologo
Ciò per garantire la possibilità a tutti i partecipanti di intervenire in modo attivo alle discussioni dando spazio a commenti con commenti, domande e approfondimenti su specifiche tematiche inerenti il mondo dell’alimentazione (diete di vario genere, componenti nutrizionali delle diete ..), tematiche legate al corpo e all’immagine corporea ( strumenti tecnici per calcolare la massa magra e massa grassa, i liquidi corporei..), alla motivazione (difficoltà a seguire la dieta, quali sono i rimedi..) e alla fame emotiva (come riconoscerla, come combatterla, quali strategie utilizzare..) e tanto altro ancora.

A fine di ogni incontro vengono consegnate schede di lavoro e materiale informativo sugli argomenti trattati sulle quali verterà la discussione negli incontri successivi.

A cosa servono i gruppi?
Da molti studi è emerso che la discussione all’interno di un gruppo di persone con problematiche comuni fa si che i concetti emersi siano memorizzati meglio dai partecipanti, nello stesso tempo avviene uno scambio attivo di informazioni e possibili soluzioni ai problemi tra gli stessi partecipanti che è molto più efficace rispetto al singolo colloquio tra professionista e paziente.
Inoltre grazie al servizio integrato Dietista-Psicologa il gruppo aiuterà i partecipanti a:

  • Cambiare le proprie abitudini alimentari;
  • Conoscere le basi di una corrretta alimentazione;
  • Gestire emozioni come noia, rabbia, tristezza, ansia, imparando a riconoscere la fame emotiva distinguendola dalla fame biologica (cosi che la persona non sia portata a sfogare la propria frustrazione sul cibo);
  • Capire perché in determinate situazione si fa maggiore ricorso ad alcuni cibi;
  • Consolidare la motivazione a seguire un percorso alimentare (anche di perdita di peso);
  • Imparare a gestire il peso raggiunto e mantenerlo nel tempo.

A chi si rivolgono?
A tutti coloro che desiderano migliorare il proprio stile alimentare e l’atteggiamento verso il cibo modificando in modo concreto le proprie abitudini alimentari, spesso non funzionali alla perdita di peso.

Quanto durano le sedute e con che frequenza?
Il programma di educazione psico-alimentare si svolge n.1 volta/settimana e ogni seduta ha una durata di circa 1 ora e mezza.

This entry was posted in Articoli. Bookmark the permalink.